Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Diabete, per curarlo si spendono 9,5 miliardi l’anno

3d_medical_animation_still_of_diabetes
Per curare il diabete si spendono 9,5 miliardi l’anno, all’incirca 1 milione ogni ora. Sono le cifre che riguardano l’Italia secondo i dati della decima edizione dell’Italian Diabetes & Obesity Barometer Report a cura di Coresearch e C.r.e.a Sanità.
Se le persone con diabete arriveranno a un totale di 4 milioni, in base alle attuali proiezioni di crescita, anche mantenendo inalterati i costi dell’assistenza, la spesa potrebbe arrivare a superare i 12 miliardi di euro l’anno: è questa la cifra che si ottiene moltiplicando il totale dei pazienti con il costo medio per ogni persona affetta da diabete che è di circa 2.600-3.100 euro l’anno, più del doppio rispetto a chi, di pari età e sesso, non ha la malattia.

Solo il 6,9% della spesa riguarda i farmaci, mentre il 67,6% è relativo al ricovero ospedaliero e alle cure ambulatoriali. Il 20-25% delle persone con diabete viene ricoverato almeno una volta durante l’anno e anche la durata dei ricoveri aumenta per chi ha questa malattia. Il rischio di ricovero in ospedale per specifiche complicanze o malattie correlate, a parità di età e sesso, è da due a otto volte maggiore in presenza di diabete.

Circa 50 milioni di euro vengono invece spesi ogni anno per
ricoveri causati da un’ipoglicemia grave: infatti, nel corso di un anno, fino a un terzo delle persone con diabete di tipo 1 di lunga durata e un quinto di quelle con diabete di tipo 2 in terapia insulinica hanno almeno un episodio di ipoglicemia severa, che spesso richiede l’ospedalizzazione.
“La maggior parte della spesa associata alla malattia diabetica è determinata dal trattamento delle complicanze – scrive Giorgio Sesti, presidente della Società italiana di diabetologia (SID)- quelle che determinano il maggiore impatto sui costi assistenziali sono le nefropatie, le amputazioni e le rivascolarizzazioni degli arti inferiori , seguiti dalle patologie cerebrovascolari. Poi le patologie cardiovascolari, la retinopatia, la neuropatia e le complicanze acute”.